Guardatevi intorno, non siate limitati! - La tomba per le lucciole

Guardatevi intorno, non siate limitati!


Nell'ultimo anno ho iniziato a guardarmi un po' intorno ed ho notato una situazione particolare e per certi versi anche molto triste. L'occhio del videogiocatore non riesce ad andare oltre una certa soglia e questa soglia – o limite se vogliamo – è rappresentata dalle ultime uscite. Ebbene, l'interesse dei videogiocatori ormai risiede solo ed esclusivamente in questo, ma a peggiorare la situazione è la cerchia di giochi che destano interesse: nella maggior parte dei casi si tratta solo di giochi tripla A.
Detto così non sembra ci sia nessun tipo di problema, ma se analizziamo più a fondo la situazione emergono delle tristi realtà.

Punto primo: un gioco tripla A in media costa sui 60€ e non sempre questo ci soddisfa! Anzi, innumerevoli sono le volte in cui ci si aspetta tanto e ci si ritrova per le mani il nulla. Capite bene che una spesa di 60€ non per tutti è uno sciocchezza, se aggiungi la delusione per il gioco hai praticamente bruciato questi soldi che potevano essere investiti decisamente meglio.

Punto secondo: come già detto non tutti possono permettersi spese esose per un videogioco e questo di norma porterebbe a ripiegare su giochi meno costosi, ma paradossalmente anche questa tendenza sembra stia svanendo. Ormai innumerevoli sono le pagine e i gruppi sui social che parlano del mondo videoludico, ma ritrovarsi a giocare a qualcosa che quasi nessuno conosce ti consente sì di divertirti ma non di parlarne e purtroppo non puoi ovviare alla situazione discutendo di altri argomenti perché hai una carenza di informazioni e tutto ciò ti fa decisamente sentire al di fuori del mondo. Questo porta il videogiocatore a rinunciare a qualcosa di più abbordabile e aspettare la possibilità di comprare il più classico dei tripla A sperando che questo non sia passato di moda.

Punto terzo: il mondo videoludico si evolve, molto in fretta per giunta. Ciò significa nuove console e computer più potenti ed ovviamente videogiocatori disgraziati che non possono stare al passo.

Io vorrei fare un appello a tutti i videogiocatori: guardatevi intorno, non siate limitati!. Il mondo videoludico sforna migliaia e migliaia di giochi ogni anno e fidatevi quando vi dico che non solo i tripla A regalano esperienze di gioco fantastiche. In questo mondo vastissimo le "perle" non sono poi così rare, basta avere pazienza e cercare. E voi miei poveri disgraziati senza un soldo in tasca, fregatevene della massa! Pensate a divertirvi, perché sì, ci si può divertire anche spendendo poco! E non preoccupatevi se non avete il PC di ultima generazione o la console appena uscita, anche i giochi datati possono regalare grosse emozioni, anche più forti di quelli attuali. Quindi miei cari videogiocatori, siate di larghe vedute e non ve ne pentirete.
Matteo.


Il videogioco AAA indubbiamente può portare delle garanzie se prodotto da un'azienda a cui si è particolarmente affezionati o che non ha mai dato motivo di dubitare di essa, sta di fatto che spesso e volentieri ci si abbandona passivamente al ciclo del mercato acquistando sempre i soliti prodotti la cui spesa in molti casi non è proporzionata all'esperienza di gioco. 

Il mondo videoludico non ha ancora mostrato neanche un biriciolo del suo infinito potenziale, dunque al momento ci si trova, con nuove possibilità tecnologiche soprattutto, a poter dar sfogo ad infinite idee che vengono fuori come vulcani dalla testa di ragazzi appassionati da tutto il mondo, che quasi sempre però passano in sordina per lasciar spazio alle grandi produzioni.
Nulla di nuovo sostanzialmente, il mondo dell'arte è sempre stato così (o quasi), però quest'arte ha il vantaggio di poter migliorare il suo stesso prodotto con il tempo, con il feedback continuo e diretto che ogni consumatore può fornire all'artista. 

L'appello dunque è rivolto a chiunque abbia voglia di lasciare che questi artisti sperimentino qualcosa di nuovo, supportandoli attraverso campagne Kickstarter e, per chi non può, attraverso dei semplici commenti e consigli i quali in un modo o nell'altro saranno essenziali per il creativo.

I giochi tripla A fanno gola, non c'è dubbio. Però non a caso si dice che non è tutto oro quel che luccica e che il vino buono è nella botte piccola.
Mattia.

2 commenti:

  1. Al momento per vivere vendo videogiochi e ne vedo di tutti i colori ogni giorno. È un mondo veramente ampio, enorme, bisogna sapersi muovere bene per non sbagliare.
    Comunque dalle mie parti c'è un premio per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che non si conoscono a fondo i videogiochi che si vogliono comprare

      Elimina

Powered by Blogger.